Ortofrutta Paganini
L'aziendaL'azienda
I nostri prodottiI nostri prodotti
I funghiI funghi
Le verdure di stagioneLe verdure di stagione
RicetteRicette
La nonna diceva...La nonna diceva...
Frutta e verdura per bambiniPer bambini
NewsNews
Lezioni di cucinaLezioni di cucina  
Link utiliLink utili
Aiutaci a migliorareAiutaci a migliorare
ContattaciContattaci

I grassi o lipidi

A dispetto della cattiva pubblicità che diete e alimentazione "salutista" fanno loro, i grassi, detti anche lipidi, sono fondamentali in un'alimentazione sana. Basti pensare al fatto che nel latte materno rappresentano la metà delle calorie totali.
Basta non esagerare
Esistono due tipi di grassi che si distinguono gli uni dagli altri esclusivamente per come sono legati tra loro:

  • grassi saturi: principalmente di origine animale, presenti allo stato solido a temperatura ambiente. Tra essi, burro, panna, strutto, lardo e margarina.
  • grassi insaturi: soprattutto di origine vegetale, a temperatura ambiente sono allo stato liquido. Tra essi l'olio. Di questa categoria fanno parte i grassi polinsaturi, la cui presenza nella dieta è fondamentale perché l'organismo non sa produrli da solo.

Sono entrambi molto utili ma gli insaturi sono essenziali.

A cosa servono?

  • Contribuiscono alla maturazione del sistema nervoso
  • Senza grassi o con pochi grassi l'organismo non assimila le vitamine A -E - D - K
  • I lipidi con le proteine sono necessari per costruire ormoni e vitamine
  • Forniscono energia all'organismo: ben 9 calorie per grammo
  • Regolano il funzionamento del metabolismo

L'orientamento dei pediatri riguardo all'assunzione di grassi nei primi due anni di vita non è uniforme. Alcuni propendono per non porre limitazioni. Altri (è l'ultima tendenza) propongono di contenere i grassi entro il 30% del totale delle calorie giornaliere. Dopo i 24 mesi la "dose" quotidiana di grassi consigliata non dovrebbe eccedere il 25-30% delle calorie totali, con un 10% al massimo di grassi saturi.

Studi e statistiche dimostrano in modo univoco che nell'alimentazione dei bambini italiani sono presenti troppi grassi. Un eccesso di queste sostanze nella dieta può portare a gravi problemi, primo tra tutti l'obesità, che nei Paesi industrializzati sta raggiungendo picchi preoccupanti soprattutto tra i piccoli.
In più, un'alimentazione che eccede in grassi saturi può, col tempo, dar luogo a patologie come ipercolesterolemia, arterioscleròsi e malattie cardiovascolari.
E' opportuno, quindi, impostare fin dalla prima infanzia un'educazione alimentare adeguata.

I grassi presenti nei pesci, a differenza di quelli presenti nelle carni, hanno una composizione particolare che li rende particolarmente utili nell'abbassare i livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue. Per questo i pediatri consigliano un regolare consumo di pesce nella dieta, accanto e in alternativa alla carne.

Alcuni consigli

  • Limitare l'uso di grassi saturi
  • Preferire i grassi di origine vegetale
  • Evitare di cuocere o friggere i grassi, utilizzandoli il più possibile crudi
  • Limitare il consumo di carne
  • Limitare il consumo di formaggi grassi
  • Abbondare nel consumo di pesce


AVVERTENZA: Le informazioni qui contenute sono fornite solo a scopo educativo. Non si intende fornire suggerimenti per diagnosi o trattamento di malattie.

Torna indietro