Melagrana

Valori nutrizionali per 100 g di prodotto
Calorie  63 Kcal
Colesterolo  0 mg
Acqua  80,5 g
Proteine  0,5 g
Grassi  0,2 g
Carboidrati  15,9 g

La melagrana è uno dei frutti più simpatici, siete d'accordo? No? E allora trovateci voi un altro frutto che quando lo aprite vi offre uno spettacolo così allegro di chicchi rossissimi, circondati dal giallo delicato della buccia! Magari non ha un gran valore nutritivo, giusto un po' di zuccheri e vitamina C, però il suo succo è buonissimo, dolce e acidulo al tempo stesso. E poi diminuisce l'accumulo di colesterolo e grassi nelle pareti delle arterie: ne basterebbero 50 millilitri al giorno per assicurare un effetto protettivo. Con quello stesso succo si prepara la granatina, ma lo si utilizza anche per condire profumatamente piatti di carne o di selvaggina. Lo sapevate?

Quando si trova

Cresce nei paesi del Mediterraneo e tropicali. Non sopporta temperature inferiori ai 10 °C (sotto i quali muore).
La stagione tipica della melagrana è l'autunno. Da dove viene La melagrana è originaria della Persia, ed è uno dei frutti che l'uomo coltiva da più tempo.

Come sceglierla e conservarla

Le melagrane più dolci e succose sono quelle i cui chicchi hanno un bel colore rosso rubino intenso, attraverso cui traspare a malapena il semino contenuto al loro interno.

Le proprietà

Questo frutto non è di grande valore nutritiv, in effetti viene usato per la produzione di sciroppi correttivi; comunque non dobbiamo dimenticare le sue proprietà cardiotoniche, astringenti e tenifughe. E' un ottimo dissetante.

Fonti:

www.eucazionealimentare.net
"La nuova dietetica" di Luigi Costacurta
www.saluteitalia.net

Consulta il dizionario se qualcosa non è chiaro



Torna su

AVVERTENZA: Le informazioni contenute nella scheda presente sono fornite solo a scopo educativo. Non si intende fornire suggerimenti per diagnosi o trattamento di malattie.